Il Codice di condotta commerciale: la Normativa

Nov 3, 2021

Cosa si intende per Codice di Condotta Commerciale?

Il Codice di condotta commerciale regolamenta le norme di comportamento che i venditori di materia prima e nello specifico di energia elettrica e/o gas naturale, devono osservare nei rapporti commerciali con i clienti finali.

L’obiettivo primario di tali codici è la tutela del cliente finale nel momento in cui riceve offerte per la conclusione di contratti di fornitura di mercato libero, imponendo specifici obblighi di trasparenza e informazione ai venditori, anche se agiscono per mezzo di soggetti terzi per la promozione di offerte contrattuali e/o la conclusione di contratti.

Il Codice di condotta commerciale trova applicazione nel caso in cui al cliente finale, a cui siano riconducibili punti di riconsegna esclusivamente alimentati in bassa tensione e/o consumi di gas naturale complessivamente non superiori a 200.000 Smc/anno, venga proposto un contratto di fornitura per uno o più punti di prelievo/riconsegna sul mercato libero.

Conosci le principali novità e adempimenti introdotti recentemente in tema di codice di condotta commerciale?

Le principali novità introdotte con la Delibera 426/2020 prevedono interventi di rafforzamento degli obblighi informativi dei venditori di energia elettrica e/o gas naturale a vantaggio dei clienti finali sia nella fase precontrattuale, sia nella fase contrattuale mediante la revisione del Codice di condotta commerciale.

In poche parole, le disposizioni del codice stabiliscono:

  • Le informazioni minime da fornire al cliente finale nelle comunicazioni a scopo commerciale;
  • La riconoscibilità e regole di comportamento del personale commerciale;
  • I criteri di comunicazione dei prezzi di fornitura del servizio;
  • I criteri di comunicazione delle informazioni relative alla spesa complessiva.

Vuoi sapere di più sul Codice di Condotta Commerciale e capire quali sono gli obblighi del fornitore nella fase precontrattuale?

Scarica il pdf

    (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
    Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

    Grazie, a breve riceverai il link al pdf!

    Scarica il pdf

      (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
      Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

      Grazie, a breve riceverai il link al pdf!

      Digitalizzazione delle fatture

      Permette di recuperare ed importare automaticamente i dati delle fatture energetiche direttamente dal PDF del fornitore (anche scansione). Possono essere gestite fatture appartenenti a differenti vettori energetici (gas metano, energia elettrica, gasolio, gpl, teleriscaldamento e teleraffrescamento) ed è in grado di raccogliere le seguenti informazioni:

      • Anagrafica dei contatori
      • Letture e consumi
      • Elementi di dettaglio della fatturazione
      digitalizzazione

      Controllo automatico

      Permette di controllare, in modo automatico, la correttezza di una fattura energetica estratta nella fase di digitalizzazione. L’attività di controllo è relativa a differenti aspetti, si verifica: 

      • Coerenza con contratto di fornitura*
      • Normativa del regolatore (es. ARERA per l’Italia)
      • Confronto con i consumi del distributore
      digitalizzazione
      digitalizzazione

      Controllo automatico

      Permette di controllare, in modo automatico, la correttezza di una fattura energetica estratta nella fase di digitalizzazione. L’attività di controllo è relativa a differenti aspetti, si verifica: 

      • Coerenza con contratto di fornitura*
      • Normativa del regolatore (es. ARERA per l’Italia)
      • Confronto con i consumi del distributore

      Per avere maggiori informazioni e ricevere una demo gratuita, compila il seguente form, e verrai ricontattato per organizzare un incontro il prima possibile!

      Richiesta Demo

         

        (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
        Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

        Grazie, ti abbiamo inviato la Demo al tuo indirizzo mail!

        Richiesta Demo

           

          (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
          Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

          Grazie, ti abbiamo inviato la Demo al tuo indirizzo mail!

           Iscriviti alla newsletter per rimanere aggiornato!

          Iscriviti alla nostra newsletter!

             

            (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
            Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

            Grazie per esserti iscritto alla Newsletter!

            Iscriviti alla nostra newsletter!

               

              (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
              Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

              Grazie per esserti iscritto alla Newsletter!
              Gestione reclamo: cosa fare in caso di mancata risposta dal fornitore?

              Gestione reclamo: cosa fare in caso di mancata risposta dal fornitore?

              L’aumento dei prezzi dell’energia e gas, dovuta come sappiamo, a vari fattori geopolitici e alla condizione particolare che stiamo attraversando, ha avuto ripercussioni su molti fornitori italiani, alcuni dei quali nei mesi scorsi sono stati costretti o dichiarare fallimento.
              Come avevamo già anticipato durante il nostro ultimo webinar, “Crisi energetica in Italia: come funzionano i mercati di ricaduta dell’energia “, molti clienti finali si sono ritrovati all’interno di uno dei mercati di ricaduta previsti dall’Autorità.
              I clienti coinvolti hanno ricevuto una comunicazione, che oltre ad invitarli a trovare un altro fornitore (per evitare di finire in servizio di ultima istanza), avvisava anche delle eventuali variazioni delle condizioni contrattuali ed economiche da considerare.