Capacity Market, cos’è e che

impatto avrà sui costi energetici aziendali?

Jan 24, 2022

Cosa sappiamo della nuova componente copertura degli oneri netti di approvvigionamento della capacità?

Il Capacity Market, o mercato della capacità, ha lo scopo di rendere il mercato dell’energia elettrica più efficiente e aperto a nuove risorse per l’approvvigionamento, per integrare al meglio le fonti rinnovabili, i sistemi di accumulo e la gestione della domanda, garantendo al contempo la sicurezza del sistema.

L’attenzione della politica energetica Italiana ed Europea è focalizzata sul migliorare la sostenibilità ambientale, sociale ed economica, attraverso il raggiungimento di una transizione energetica che tende ad una progressiva decarbonizzazione del sistema elettrico incentivando l’adozione di comportamenti virtuosi da parte dei consumatori finali.

I clienti sottesi dei fornitori falliti hanno ricevuto la comunicazione dell’avvenuta risoluzione, che li invitava a trovare un’altra controparte o finire in servizio di ultima istanza.

A questo proposito le nuove norme europee, con la “PROPOSTA DI PIANO NAZIONALE INTEGRATO PER L’ENERGIA E IL CLIMA” indicano i principali obiettivi da raggiungere entro il 2030:

  • Energie rinnovabilI FER: raggiungere una quota minima del 32%;
  • Efficienza energetica: miglioramento almeno del 32,5%
  • Emissioni Gas Serra: riduzione almeno del 30%, +1,3% annuo (indicativo)

Introduzione del corrispettivo mercato capacità

La nuova componente a copertura degli oneri netti di approvvigionamento della capacità, è regolarizzata dall’ARERA tramite l’articolo 14 della deliberazione nr. 98/11 del 22 luglio 2011, e seguita da varie delibere ed è entrata in vigore il 01/01/2022.

Tali delibere, prevedono l’applicazione del corrispettivo mercato capacità, così come determinato da Terna, a ciascun utente del dispacciamento in prelievo.
Tale componente sarà determinata dai due corrispettivi unitari:

– Il primo da applicarsi nelle ore di picco del sistema elettrico (di seguito: corrispettivo capacità di picco)
– Il secondo da applicarsi nelle restanti ore diverse dalle ore di picco (di seguito: corrispettivo capacità fuori picco)

Entrambi sono stati dimensionati rispettivamente per coprire il 70% e il 30% degli oneri netti derivanti dal mercato della capacità.

Ore di picco 2022

A tal fine, Terna ha definito e pubblicato le ore di picco annuali per l’anno 2022. Ecco come saranno distribuite: 

Mese Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Totale
N°ore critiche 125 105 25 0 0 26 162 8 10 0 10 29 500
Tabella ora di picco

Quantificazione e andamento del corrispettivo sui mercati ARERA 

Di seguito i prezzi aggiornati del primo trimestre 2022 pubblicati da ARERA, dove il corrispettivo mercato capacità viene espressamente quantificato a seconda del mercato di riferimento a cui si riferisce:

CORRISPETTIVO MERCATO CAPACITA’

Anno 2022 Mercato di Riferimento  (c€/kWh)
Mese Maggior Tutela Placet Tutele Graduali
Gennaio 0,8280 0,9861 0,9861
Febbraio 0,8280 0,9116 0,9116
Marzo 0,8280 0,3160 0,3160
Mercato Capacità

Scarica il PDF dell’articolo completo per  saperne di più sulla normativa e la  modalità di determinazione del corrispettivo in base al mercato di riferimento:

Scarica il pdf

    (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
    Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

    Grazie, a breve riceverai il link al pdf!

    Scarica il pdf

      (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
      Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

      Grazie, a breve riceverai il link al pdf!

      Osservazioni e implementazioni interne 

      La delibera non prevede: 

      • la quantificazione del corrispettivo da applicare ai clienti finali del mercato libero ma lascia ‘carta bianca’ sulla determinazione alle società di vendita.

      La delibera prevede:

      • il corrispettivo si chiamerà ‘Corrispettivo mercato capacità;
      • la determinazione dei consumi a cui applicare il corrispettivo è quella prevista per il calcolo del corrispettivo MSD di dispacciamento (art.44 delibera 111/06);
      • i venditori sono tenuti a informare i clienti circa il valore del corrispettivo mercato capacità e le modalità della sua determinazione nella prima bolletta;
      • successive modifiche alle modalità di applicazione del corrispettivo dovranno essere comunicate al cliente come previsto dal Codice di condotta commerciale (variazioni unilaterali del contratto,ecc).

      Punti non chiari

      Ci sono dei punti ancora non del tutto chiari ma che cercheremo di approfondire al fine di valutare al meglio questa nuova componente e fare dei confronti rispetto a quanto addebitato in fattura.

      Inoltre, stiamo lavorando sui potenziali parametri da utilizzare in fase di simulazione per calcolare l’incidenza percentuale del corrispettivo e del suo andamento.

      Se vuoi sapere di più contatta il tuo after-sales di riferimento o scrivici qui per maggiori informazioni.

      Contattaci!

         

        (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
        Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

        Grazie, ti abbiamo inviato una mail con le informazioni per avere la demo!

        Contattaci!

           

          (*) I campi contrassegnati sono obbligatori.
          Autorizzo il trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 Dlgs 196 del 30 giugno 2003 e dell’art. 13 GDPR (Regolamento UE 2016/679).

          Grazie, ti abbiamo inviato una mail con le informazioni per avere la demo!
          Gestione reclamo: cosa fare in caso di mancata risposta dal fornitore?

          Gestione reclamo: cosa fare in caso di mancata risposta dal fornitore?

          L’aumento dei prezzi dell’energia e gas, dovuta come sappiamo, a vari fattori geopolitici e alla condizione particolare che stiamo attraversando, ha avuto ripercussioni su molti fornitori italiani, alcuni dei quali nei mesi scorsi sono stati costretti o dichiarare fallimento.
          Come avevamo già anticipato durante il nostro ultimo webinar, “Crisi energetica in Italia: come funzionano i mercati di ricaduta dell’energia “, molti clienti finali si sono ritrovati all’interno di uno dei mercati di ricaduta previsti dall’Autorità.
          I clienti coinvolti hanno ricevuto una comunicazione, che oltre ad invitarli a trovare un altro fornitore (per evitare di finire in servizio di ultima istanza), avvisava anche delle eventuali variazioni delle condizioni contrattuali ed economiche da considerare.